Appia Self-Portrait

Il mito dell’Appia nelle fotografie d’Autore

Mostra fotografica
prorogata al 4 novembre 2018

Santa Maria Nova, Via Appia Antica 251

La conclusione del restauro del Casale di Santa Maria Nova, condotto prima dalla Soprintendenza Archeologica di Roma e poi dal Parco Archeologico dell’Appia Antica, ha consentito di ideare un’esposizione nelle sale ora completamente accessibili e nel giardino che le circonda.

La mostra “Appia Self-Portrait”, a cura di Rita Paris, con Nunzio Giustozzi, Bartolomeo Mazzotta e Ilaria Sgarbozza, oltre a illustrare la storia della tenuta con il Casale di Santa Maria Nova, una delle più vaste della campagna romana, nella sua trasformazione attraverso i secoli, è incentrata sul tema della “Fascinazione dell’Appia” nelle arti visive, e in particolare nella fotografia e nel cinema.

Viene infatti presentata, in percorsi cronologici e tematici, un’accurata selezione delle foto storiche degli Archivi Alinari, dell’Istituto Luce-Cinecittà, della Società Geografica Italiana, del Gabinetto Fotografico Nazionale, in dialogo con gli scatti di celebri fotografi del Novecento (da Elliott Erwitt a Milton Gendel, a Pasquale De Antonis, con i suoi scatti di moda) e contemporanei (da Ferdinando Scianna a Marco Delogu, da Luigi Filetici a Stefano Castellani), testimoni di visioni diverse su un paesaggio che non ha mai smesso di attrarre.

La complessa identità dell’Appia – luogo dell’antico e del moderno, periferia ai margini della città, campagna che si fa paesaggio urbano – ha affascinato anche i cineasti e gli operatori cinematografici. Per documentare la fortuna dell’antica via nella settima arte è inserito nel percorso espositivo un originale montaggio filmico, prodotto per l’occasione.