Antiquarium di Lucrezia Romana

Un nuovo museo nella periferia romana per raccontare la storia del territorio dell’Appio Tuscolano dall'epoca preistorica e protostorica fino al medioevo.

L’Antiquarium di Lucrezia Romana, con i suoi 500 metri quadrati di esposizione, è composto da cinque sale distribuite in due edifici in cui trovano posto i reperti emersi dalle indagini archeologiche svolte in un ampio settore del suburbio sudorientale di Roma negli ultimi 25 anni.

Attraverso i materiali rinvenuti nel corso degli scavi, infatti, vi è documentata la storia del territorio che va dal Quadraro a Grotteferrata, comprendendo Osteria del Curato, Tor Vergata, Morena, Romanina, Centroni, Cinecittà, Anagnina, Appio-Tuscolano.

Tra i reperti esposti figurano soprattutto corredi funerari: monili d’oro, piccoli gioielli e orecchini, vasi e lucerne nonché oggetti di vita quotidiana femminili (contenitori per il trucco, pinzette, spatoline) e infantili. Tra questi, particolarmente commovente è un biberon di epoca preistorica.

Non mancano preziosi mosaici, monete, affreschi e vetri e frammenti delle pregiate decorazioni provenienti dalle ville e dai sepolcri che costellavano la zona in epoca imperiale. Tra queste, un’elegante terracotta architettonica di età augustea, una testa ritratto di stile ellenistico e tre volti di divinità in terracotta. Tra i marmi spiccano un’erma dionisiaca, una vasca in alabastro e una splendida statua di Ermafrodito.

Indirizzo: Via Lucrezia Romana 62, Roma.

Linea 503: il capolinea del bus è alla fermata della metro Linea A Subaugusta. La fermata è a pochi minuti a piedi dal museo.

Il Museo è anche raggiungibile partendo dalla Villa dei Quintili con il 654 (fermata Appia/Squillace) su via Appia Nuova).