Sepolcro degli Scipioni

A circa 300 metri da Piazzale Numa Pompilio, al civico 9 di Via di Porta San Sebastiano, si trova il Sepolcro degli Scipioni, monumentale tomba di una delle famiglie più famose dell’antica Roma.
L’edificio, costruito all’inizio del III secolo a.C. scavando direttamente nel banco di cappellaccio, si presenta come un ambiente a pianta quadrata diviso da una serie di gallerie successivamente ampliate per ospitare fino a 32 sarcofagi. In fondo alla galleria principale si trovava il sarcofago del fondatore Lucio Cornelio Scipione Barbato, console nel 298 a.C.,  il cui originale è ora esposto ai Musei Vaticani.
La facciata del sepolcro, rielaborata da Scipione l’Emiliano nel II sec. a.C., si presentava con un alto basamento su cui si aprivano tre ingressi e tre nicchie destinate a ospitare le statue raffiguranti il poeta Ennio (che aveva celebrato le glorie della famiglia), Publio Cornelio Scipione l’Africano (trionfatore a Zama) e Lucio Cornelio Scipione l’Asiatico.
Nell’area archeologica è anche un colombario affrescato di età imperiale e una piccola catacomba.

Bibliografia:

Colini A. M., La sistemazione del Sepolcro degli Scipioni, in Capitolium, Milano – Roma 1927, III, 1 (1927), pp. 24-32.

Colini Antonio Maria, La sistemazione del sepolcro degli Scipioni, in Capitolium, Roma 1929, V, 4 (1929), pp. 182-195.

Coarelli F., Il Sepolcro degli Scipioni, in Dialoghi di Archeologia, Milano 1972, I (1972), pp. 36-106.

Coarelli F., Il Sepolcro degli Scipioni (Itinerari d’arte e di cultura: Via Appia), Roma 1988.

Coarelli F., Il sepolcro degli Scipioni, in Revixit ars. Arte e ideologia a Roma. Dai modelli ellenistici alla tradizione repubblicana, Roma 1996, pp. 179-238.

Mancioli D., Il sepolcro degli Scipioni, Roma 1997.

Coarelli F., I ritratti di “Mario” e “Silla” a Monaco e il sepolcro degli Scipioni, in Eutopia. Rivista di studi sull’Europa antica, Roma 2002, 2 (2002), pp. 47-76.

Talamo E., La scenografia del trionfo nella pittura funeraria, in La Rocca Eugenio, Tortorella Stefano, Trionfi romani, Milano 2008, pp. 62-71.

Valeri C., Il paesaggio funerario a Roma tra il III e il I secolo a.C., in La Rocca Eugenio, Parisi Presicce Claudio, Lo Monaco Annalisa, I giorni di Roma, l’età della conquista, Roma 2010, pp. 137-147.

Volpe R., Sepolcro degli Scipioni. Indagini nell’area archeologica (2008, 2010-2011). La ricostruzione della facciata monumentale del Sepolcro degli Scipioni, in Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma, Roma 2015, CXV (2014), pp. 182-185.

Volpe R., Pacetti Francesco, Sepolcro degli Scipioni. Indagini nell’area archeologica (2008, 2010-2011). I lavori di restauro e allestimento, in Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma, Roma 2015, CXV (2014), pp. 175-177.

Volpe R., Il paesaggio medio repubblicano della via Appia, in Manacorda Daniele, [et al.], Vigna Codini e dintorni. Archeologia e storia del paesaggio urbano della Via Appia a Roma, Bari 2017, pp. 9-17.

Volpe R., CUIQUE SUUM? Un insolito graffito dal Sepolcro degli Scipioni, in Modolo Mirco, Pallecchi Silvia, Zanini Enrico, Una lezione di archeologia globale. Studi in onore di Daniele Manacorda, Bari 2019, pp. 373-376.

Volpe R., Le prime fasi del Sepolcro degli Scipioni, in D’Alessio Alessandro, Serlorenzi Mirella, Smith Christopher J., Volpe Rita, Roma medio repubblicana, dalla conquista di Veio alla vittoria di Zama, Roma 2020, pp. 109-120.

COME ARRIVARE: 
Via di Porta San Sebastiano 9, 00179 Roma RM 
raggiungibile con: 

- Autobus: 
218, fermata Porta S. Sebastiano
118, fermata Pta S. Sebastiano/Sepolcro Scipioni
714, fermata Terme Caracalla
- Metro: 
linea A, fermata Re di Roma

ORARI DI APERTURA: 
Per informazioni sulla visita al monumento, in consegna al Comune di Roma, si può contattare lo 060608.

BIGLIETTI: 
Per informazioni sulla visita al monumento, in consegna al Comune di Roma, si può contattare lo 060608.

CONTATTI E PRENOTAZIONI: 
Per informazioni sulla visita al monumento, in consegna al Comune di Roma, si può contattare lo 060608.