Giovedì 25 giugno riaprono al pubblico il Mausoleo di Cecilia Metella e la Villa dei Quintili

Con la riapertura al pubblico del Mausoleo di Cecilia Metella e della Villa dei Quintili Santa Maria Nova, domani giovedì 25 giugno, giunge al termine la complessa operazione di progressiva restituzione al pubblico dei siti del Parco Archeologico dell’Appia Antica.

Concluse le operazioni di sfalcio e sanificazione, messe a punto le nuove modalità di fruizione, con percorsi di visita e ingressi contingentati e scaglionati, tutti i siti possono finalmente riaprire le porte al pubblico dopo tre lunghi mesi di chiusura forzata dovuta all’emergenza sanitaria in corso.

La Direzione del Parco ha agito seguendo un criterio di gradualità e di massima prudenza, a tutela del pubblico e di tutto il personale in servizio nei siti, attuando ogni possibile misura di prevenzione. In tutti i luoghi del Parco Archeologico per poter accedere i visitatori dovranno indossare una mascherina coprendo naso e bocca e utilizzare il gel disinfettante posto all’ingresso. Prima di entrare saranno inoltre sottoposti da personale autorizzato alla misurazione della temperatura corporea. Come misura di prevenzione alla diffusione del Covid-19 l’accesso in tutti i siti è infatti subordinato alla rilevazione della temperatura corporea dei visitatori che deve essere inferiore a 37,5°C.

Una pannellistica specifica, posta sia all’ingresso e che all’interno delle aree, fornirà ai visitatori tutte le informazioni necessarie, ricordando di non formare assembramenti, di rispettare la distanza interpersonale di almeno 2 m e di mantenere una adeguata distanza dalle strutture e dalle opere.

L’accesso a gruppi accompagnati dalla propria guida turistica abilitata è consentito in numero non superiore alle 14 unità e solo se muniti di sistemi di audioguida (whisper) tali da permettere un adeguato distanziamento interpersonale.

A compensazione di tutte queste necessarie limitazioni c’è un’importante novità. Per favorire la fruizione e il rilancio dei siti lungo l’Appia antica la Direzione del Parco ha disposto di offrire l’ingresso gratuito a tutti i visitatori e in tutti i siti del Parco sino al 13 settembre 2020 compreso.

Sarà un modo di risarcire la cittadinanza delle privazioni che ha vissuto nel corso del lockdown, di ampliare e diffondere la conoscenza di spazi culturali di grandissima valenza storico-identitaria, spesso ancora sconosciuti agli stessi abitanti della città di Roma. E il Parco ne potrà approfittare, anche grazie alla collaborazione fornita nell’accoglienza dal personale di ALES e dei volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, per avviare un’analisi dei pubblici al fine di un ripensamento futuro di orari, tariffe, percorsi e modalità di visita.

Di seguito i siti del Parco Archeologico e le relative modalità di accesso:

Villa dei Quintili – Santa Maria Nova: via Appia Antica 251 oppure via Appia Nuova 1092. Aperto dal giovedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30 con ultimo ingresso alle 18.30.
Come arrivare: in auto oppure Metro A (Arco di Travertino) e poi autobus linea 660 oppure 118.
Non c’è un limite massimo di ingressi giornalieri nell’area archeologica mentre all’interno dell’Antiquarium è consentito l’accesso ad un massimo di 4 visitatori contemporaneamente. La mostra “L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” di Paolo Rumiz, allestita nel Casale di Santa Maria Nova, non è al momento accessibile.

Mausoleo di Cecilia Metella – Castrum Caetani e Chiesa di San Nicola: via Appia Antica 161. Aperto dal giovedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30 con ultimo ingresso alle 19.00.
Come arrivare: Metro A (Arco di Travertino) e poi autobus 660 oppure 118.
L’ingresso all’interno del Mausoleo è consentito ad un massimo di 6 persone contemporaneamente mentre nella Chiesa di San Nicola non c’è un limite massimo. All’interno del mausoleo sono consentite visite guidate fino a un massimo di 6 persone.

Complesso di Capo di Bove: via Appia Antica 222. Aperto dal giovedì alla domenica dalle 9.00 alle 18.30 con ultimo ingresso alle 18.00.
Come arrivare: Metro A (Colli Albani) e poi autobus 660 oppure 118.
L’ingresso all’interno dell’edificio è consentito per un massimo di 6 persone contemporaneamente mentre all’esterno non dovrà essere superiore ai 15 visitatori.

 Tombe della via Latina: via dell’Arco di Travertino 151. Aperto dal giovedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30 con ultimo ingresso alle 19.00.
Come arrivare: Metropolitana Linea A (Arco di Travertino) oppure autobus (capolinea ATAC Arco di Travertino).
L’ingresso all’interno degli ipogei è al momento precluso. All’interno del Parco non possono accedere contemporaneamente più di 50 persone.

Antiquarium di Lucrezia Romana: via Lucrezia Romana 62. Aperto il martedì, il giovedì e la domenica dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.30).
Come arrivare: in auto o con la Metro A (Cinecittà o Anagnina) e poi l’autobus linea 503.
L’ingresso all’interno dell’Antiquarium è consentito ad un massimo di 8 visitatori contemporaneamente (4 in ciascun edificio di cui si compone l’Antiquarium).

L’ingresso a tutti i siti sino al 13 settembre è gratuito e non è necessaria la prenotazione.