«Appia Antica, i segreti dei Quintili: ecco le piste per podisti e filosofi»

Nelle mani dell’archeologa Giuliana Galli il volto di Metrodoro di Lampsaco riprende forma e vita. Faccia, fronte e capigliatura si ritrovano come fosse un puzzle per bambini. E d’incanto riappare intatta la sapienza del filosofo. Il cui ritratto ideale fu massacrato da un anonimo manovale medievale per farne calce – ma in questo caso ci ripensò – nella calcara sull’Appia Antica.

Per leggere l’articolo completo di Carlo Alberto Bucci su La Repubblica del 15 agosto 2017 clicca qui.