«Appia Antica, nuovo scempio»

di Carlo Alberto Bucci,
la Repubblica, ed. Roma, 7 giugno 2008.

Nuovo, devastante attacco dell’abusivismo al parco dell’Appia antica. Il Circolo del tennis all’Acquasanta e lo Sporting Palace sono stati dotati di altrettante piscine, e di annessi muri in cemento armato, nonostante sia il Parco regionale sia la Soprintendenza archeologica statale avessero negato le autorizzazioni. Ma i lavori illegali sono stati scoperti prima della fine. E, nel giro di una decina di giorni, sono stati sequestrati il cantiere del circolo tennistico di via dell’Almone 49 e, l’altro ieri, quello del complesso di via Appia Nuova 700 che, come reclamizzano i poster in tutta la città, sarà inaugurato il 18 giugno.
Durante la ricognizione per il piano anticendio, i guardiaparco coordinati da Guido Cubeddu hanno scoperto che all’Acquasanta era stato realizzato un colossale sbancamento per una piscina da 25 metri per 20 e profonda 4, come l’altezza dei locali. «Non avevano il nostro nulla osta – spiega la direttrice del Parco, Alma Rossi – . Hanno presentato una dichiarazione d’inizio attività al IX Municipio. Ecco il risultato: un cantiere di 70 metri per 50. E siamo nella zona più vincolata al mondo. Ma senza l’approvazione del piano e del regolamento del Parco, è una lotta impari».
Incalza Rita Paris, responsabile dell’Appia per la Soprintendenza. «Già nel 1994 ci esprimemmo contro il condono dell’intero impianto. .. e sono tre anni che riceviamo pressioni per autorizzare questa piscina. Abbiamo detto sempre no. Poi hanno presentato una perizia geologica per pericolo di frana. Abbiamo dato l’ok a una vasca per l’acqua piovana. Serviva per l’irrigazione e in caso di incendi. Invece hanno fatto tutt’altro. È una zona archeologica, piena di reperti: che fine ha fatto tutta quella terra sbancata?».
L’archeologa è indignata anche lo Sporting Palace: «Si trova nella valle della Caffarella. Nacque nel 1956 come impianto per l’imbottigliamento dell’acqua. Io avevo già proposto la demolizione. E ora torno a chiederla dopo questo ulteriore abuso. Mi chiedo: quale istituzione ha
autorizzato un tale scempio?». L’anno scorso l’ente Parco non è stato neanche invitato alla conferenza dei servizi sullo Sporting. A maggio 2007 aveva rilasciato un nulla osta solo per lavori di manutenzione ordinaria. Il 3 ottobre ha negato il permesso al cambio di destinazione d’uso e alla piscina interrata. Invece, una l’hanno realizzata sul tetto. Sopraelevando l’edificio: due metri in più di cemento armato che si frappone tra le meraviglie di Cecilia Metella e delle Tombe Latine.