«Tra lucciole e auto pirata l’assedio dell’Appia Antica»

di Paolo Brogi,
Corriere della Sera, ed. Roma, 26 aprile 2007.

Appia Antica, all’angolo con via degli Armentieri. Giorni scorsi, un’archeologa e una prostituta. «Mi scusi, potrebbe scansarsi?». «Ahò, ma io sto’ a lavorà…». «Anch’io…». «E che dovresti fa’?». «Devo guardare l’epigrafe su cui è seduta». «L’epì…che?» Disastri dell’Appia Antica. Auto che vanno su e giù indisturbate rallentando tutt’al più un po’ all’altezza dei tratti in basolato. Prostituzione femminile e soprattutto maschile, all’altezza di via di Fioranello dove le auto comodamente parcheggiate sulla strada consolare appartengono indistintamente ai frequentatori gay e agli utilizzatori del vicino aeroporto di Ciampino.
E soprattutto, proprio all’altezza degli Armentieri, ecco il gran ritorno a ridosso della strada di capannoni industriali e commerciali, vendite al minuto e all’ingrosso, rimessaggi estesissimi di roulotte, caravan e perfino gommoni. Capannoni e rimessaggi interamente abusivi. «Certo, noi non abbiamo dato mai nessun assenso – spiega Livia Giammichele della Sovrintendenza archeologica di Roma, reduce da un sopralluogo – . E in passato a più riprese abbiamo segnalato agli organi dello stato questo scempio che deve essere arrestato».
Siamo nel tratto dell’Appia Antica che dal Raccordo Anulare va a sud in direzione di via di Fioranello, la strada che l’attraversa sbucando di fronte ai parcheggi dell’aeroporto di Ciampino. Una gara di appalto è stata appena conclusa e sono stati assegnati i prossimi lavori di risistemazione della grande strada consolare, grazie allo stanziamento di un milione di euro. C’è da rimettere a posto un chilometro circa dell’Appia. L’intervento segue la risistemazione dei tratti a monte dell’Appia Antica che hanno raggiunto e superato il punto in cui grazie al nuovo tunnel del Raccordo Anulare è stato ricongiunto il percorso interrotto negli anni ’60 dalla costruzione del Gra.
Un primo tratto, da via di Porta San Sebastiano fino al Gra, è stato restaurato grazie ai fondi del Giubileo. Successivamente il restauro è sta protratto dal Gra a via degli Armentieri. Ora si vorrebbe andare avanti. Ma in quale scenario?
Basta guardare via degli Armentieri, prima traversa a destra sull’Appia Nuova uscendo da Roma dopo il Raccordo, per rendersi conto del nuovo assalto all’Appia in pieno corso. Un’officina meccanica sulla destra, una rivendita di attrezzi da giardino sulla sinistra, il tutto con grandi capannoni e spazi usati per macchine ed attrezzi. Poi ecco il rimessaggio con uno spazio per centinaia di metri ingombro di caravan e mezzi nautici. È un assedio che lascia fuori per fortuna ancora spazi verdi di campagna romana, la povera Appia vivacchia ai limiti subendo la presenza di chi la usano per i propri comodi, scorrazzando con auto e moto di notte e anche di giorno. «È uno scandalo che sembra non interessare a nessuno – spiega Rita Paris, l’archeologa della Sovrintendenza responsabile della zona – . Ma le autorità e gli enti che hanno il potere di decidere sul destino dell’Appia conoscono questa realtà? Mi pare di no, perché la situazione è talmente vergognosa e indecorosa…Senza rendersene conto, però, c’è chi gioca al massacro continuando a dare concessioni che non dovrebbero essere date, ma che procurano insediamenti di attività e innescano nuovo degrado. Qualcuno si riconosce come responsabile di tutto ciò?». Messaggio inviato al Comune di Roma e alla Regione Lazio: si devono svegliare perché quella che potrebbe essere una delle porte del Parco dell’Appia giace in uno stato miserevole.