Proseguono le visite guidate gratuite alla mostra “Misurare la Terra”

Dopo il grande interesse riscosso dalle visite guidate gratuite, proposte dai curatori per il sabato pomeriggio di novembre, ancora due occasioni di scoprire l’affascinante esposizione accompagnati dai curatori della mostra, nelle due sedi del Mausoleo di Cecilia Metella e di Villa Capo di Bove.

Sarà un’occasione unica per scoprire insieme all’architetto Aura Picchione, all’archeologo Stefano Roascio, e alla storica dell’arte Ilaria Sgarbozza, il ruolo svolto a partire dalla metà del Settecento dal sepolcro-simbolo dell’Appia Antica quando fu utilizzato come punto trigonometrico per disegnare la cartografia dei territori pontifici e per una nuova misurazione del Meridiano Terrestre. Una storia recentemente riemersa grazie alla fortunata riscoperta nei Musei Vaticani di un’epigrafe napoleonica che tra il 1810 e il 1813 era stata posizionata sul tamburo del sepolcro per segnalarne la funzione di caposaldo geodetico.

Gli appuntamenti sono per sabato 20 e 27 novembre alle ore 16.30 presso l’ingresso del Mausoleo di Cecilia Metella in via Appia Antica 161.

Il percorso inizia dall’epigrafe recentemente ricollocata in copia sul tamburo del monumento, per proseguire poi nel Complesso di Capo di Bove, in via Appia Antica 222, con la seconda e più ampia sezione espositiva che mostra l’iscrizione originale, strumenti di misurazione, disegni e dipinti dedicati al sepolcro-simbolo dell’Appia Antica.

 

ACCESSO CON GREEN PASS E APPIA CARD
La Mia Appia Card è il biglietto nominativo a durata annuale con il quale potrete accedere illimitatamente a tutti i siti del Parco Archeologico dell’Appia Antica. 
Acquistabile sul sito di CoopCulture al costo di 10€ (+ 2€ prevendita)