Arco di Druso

Il cosiddetto Arco di Druso non è in realtà un arco di trionfo ma uno dei fornici dell’acquedotto Antoniniano che attraversava longitudinalmente la Via Appia per alimentare le vicine Terme di Caracalla. Costruito nel III secolo d.C., è inquadrato, nella sua facciata esterna, da due colonne su alto plinto con capitelli compositi sormontati da un architrave. Più tardi venne monumentalizzato per fare da ingresso della via Appia e al tempo di Onorio (401-403), fu messo in collegamento con Porta San Sebastiano dando luogo a un cortile interno con funzioni militari.