Chiesa di Sant’Urbano

Facilmente accessibile dal Vicolo Sant’Urbano, che si stacca sulla sinistra dalla Via Appia Pignatelli a circa 800 m di distanza dalle Catacombe di Pretestato, si trova un tempio romano trasformato nel IX secolo in chiesa consacrata al culto di Sant’Urbano. L’edificio originario, costruito nel II sec. d.C. da Erode Attico in onore di Cerere e Faustina per ricordare la moglie morta, Annia Regilla, si presentava come un tempio prostilo su piccolo podio con al centro la cella. L’aspetto attuale è notevolmente alterato dai pesanti restauri realizzati nel 1634 per volere di Urbano VIII, che fece alzare un muro in mattoni fra le colonne del pronao e costruire un campanile sul tetto.