Elementi architettonici erratici

Una serie di materiali lapidei provenienti da diversi monumenti funerari, si dispone quasi in sequenza lungo i lati della strada, rendendo questo tratto della via Appia Antica al VI miglio tra i più suggestivi. Si distinguono frammenti di cornici architettoniche o elementi di rivestimento, caratterizzati da eleganti forme, come il bel cornicione a motivo floreale e vegetale che si nota sul lato sinistro. Un blocco circolare più avanti, invece, ricorda Sergio Demetrio, “vinarius de Velabro”: un oste, potremmo dire, che aveva una mescita di vino al Velabro. Sul lato opposto ulteriori iscrizioni menzionano personaggi legati alla costruzione dei monumenti funerari che qui dovevano ergersi, come quello di Vettena Afrodisia.

Bibliografia
L. Canina, La prima parte della Via Appia dalla Porta Capena a Boville, vol. I, Roma 1853, pp. 141-142.
L. Quilici, La via Appia da Roma a Bovillae, Roma 1976, p. 74-75.
L. Quilici, Via Appia, da Porta Capena a Colli Albani, Roma 1989, p. 51.
Lexicon Topographicum Urbis Romae, Suburbium, vol. I, s.v. Appia via, p. 129.
L. Spera, S. Mineo, Via Appia I, Roma 2004, p. 157.