Torre Selce

Torre Selce si staglia sulla sinistra della Via Appia Antica, quasi 200m dopo il Sepolcro dei Grifi. L’imponente struttura, che prende il nome dal materiale edilizio impiegato, fu costruita nel XII secolo dalla famiglia degli Astalli per controllare il territorio circostante. Un grande tumulo del I secolo a.C. fu sfruttato come basamento per innalzare la torre dalla tipica tecnica edilizia a fasce bianche e nere realizzate con l’impiego di scaglie di selce, peperino, marmo e travertino, che rendeva visibile l’edificio anche da grandi distanze.

Bibliografia:

Th. Ashby, La Campagna Romana nell’età classica, Longanesi, Milano, 1927.

F. Coarelli, Dintorni di Roma, Laterza, Bari, 1981.

G. M. De Rossi, Torri e castelli medievali della campagna romana, Roma 1969

Nibby, F. Nardini, A. De Romanis, Roma antica di Famiano Nardini, Stamperia De Romanis, Roma, 1818

L. Quilici, La Campagna Romana come suburbio di Roma antica, La Parola del Passato, 29, 1974.

L. Quilici, La via Appia da Porta Capena ai Colli Albani, Roma 1989.

E. M. Steinby (a cura di), Lexicon Topographicum Urbis Romae, 6 voll. Quasar, Roma, 1993-2000

G. Tomassetti, La Campagna Romana antica, medievale e moderna, (a cura di) L. Chiumenti, F. Bilancia, vol. II, Via Appia, Ardeatina ed Aurelia, Leo S. Olschki editore, Firenze, 1979.

COME ARRIVARE: 
Via Appia Antica, 00178 Roma 
raggiungibile con: 

-Autobus: 
664, fermata Appia/Squillace 
118, fermata Appia/Squillace 

ORARI DI APERTURA: 
Il sito è di libero accesso 

BIGLIETTI: 
Il sito è di libero accesso 

CONTATTI E PRENOTAZIONI: 
Il sito è di libero accesso