Triopio di Erode Attico

La valle della Caffarella, che prende il nome dalla famiglia proprietaria del casale cinquecentesco visibile all’interno del parco (i Caffarelli), è una verdeggiante area pubblica a cui si accede da diversi ingressi allineati sulla moderna Via Latina. In epoca romana gran parte della zona apparteneva a Erode Attico, un politico di origine ateniese che, venuto a Roma sotto Antonino Pio, aveva sposato la ricca e nobile Annia Regilla, ricevendo da lei in dote i possedimenti sulla Via Appia tra il II e il III miglio. Sparsi nel parco della Caffarella sono i resti della grandiosa tenuta che egli fece costruire al posto della villa di famiglia dopo la morte della moglie (per cui, oltretutto, fu accusato di omicidio). Al nuovo complesso diede lo stesso nome del santuario di Demetra a Cnido: Triopio. Esso fu poi inglobato nella residenza suburbana dell’imperatore Massenzio costruita nel IV sec. d.C.