«Appia Antica, svelato l’Acquedotto usato dai barbari per assediare Roma»

Anche l’ultimo ponteggio sta per essere smontato. E gli archeologi maneggiano con cura materna l’ultimo dei reperti rinvenuti. L’emozione si respira nell’aria. Non è così scontato trovare ancora in situ le travi in legno di duemila anni fa su cui vennero costruite le volte delle arcate dell’ acquedotto dei Quintili.

Clicca qui per leggere l’articolo completo di Laura Larcan sul sito de Il Messaggero del 22 aprile 2017.